Il 2015 di Caselle: 3.67 milioni di passeggeri (+6.8%)

Published on: 21 gennaio 2016

Filled Under: press

Views: 887

Assaeroporti ha diffuso i dati definitivi del 2015: Caselle ha chiuso a 3.666.582 passeggeri, +6.8% rispetto al 2014. Nel dettaglio, i passeggeri sui voli nazionali sono stati 1.86 milioni (in crescita del 1.8%), mentre i passeggeri internazionali sono stati 1.79 milioni (in crescita del 12.8% rispetto al 2014). Facendo un confronto col trend nazionale, Caselle è andato meglio della media: la crescita del traffico in Italia è stata complessivamente del 4.5%. A livello di ranking, la posizione di Caselle tra gli scali italiani è rimasta invariata: quattordicesimo scalo per traffico.

L’anno che si è chiuso è stato indubbiamente positivo, e le ragioni della crescita sono da ricercarsi nei nuovi voli lanciati: la base Blueair, l’arrivo di Wizzair ed Air Moldova, la crescita di KLM e British Airways, il consolidamento di Ryanair come primo vettore dello scalo. Il 2015 è stato anche l’anno della “fugace” base Vueling, che ha avuto il suo picco durante la stagione estiva, salvo poi venire smantellata nel mese di Ottobre. Dati positivi ma che non devono rallentare la ricerca di nuovi voli: il 2016 si è aperto col ritorno di Royal Air Maroc, e proseguirà con un importante incremento delle operazioni di Blueair e Volotea, entrambe protagoniste della prossima estate con nuovi collegamenti nazionali ed internazionali low cost, mentre Ryanair continuerà a consolidare la propria posizione puntando al traguardo del milione di passeggeri trasportati su Caselle. Sagat ha fissato l’asticella del 2016 a 4 milioni di passeggeri, traguardo che richiede una crescita su base annua del 9%, vedremo se il risultato verrà raggiunto!

Sull’altro versante piemontese, Levaldigi ha chiuso l’anno con meno di 130 mila passeggeri (trentunesimo scalo nazionale), in calo del 45% rispetto al 2014. Levaldigi nel corso dell’anno ha perso i voli per la Romania, con Blueair e Wizzair che hanno trasferito le proprie operazioni su Torino, ed ha visto 6 mesi di blackout di Ryanair per i noti problemi contrattuali tra ENAC e GEAC per i servizi di Torre. Il 2016 si apre con nuove incertezze: chiuso il collegamento annuale con Marrakech operato da Jetairfly, e chiuso da Marzo il volo annuale Ryanair su Alghero. Sull’altro piatto della bilancia i collegamenti di un tour operator abruzzese per Lourdes e per la Puglia.

[Una delle foto simbolo del 2015, di Beppe Miglietti]

SONY DSC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *