Le compagnie aeree a Caselle nel 2015: Ryanair prima, arretrano Alitalia e Meridiana

Published on: 22 maggio 2016

Filled Under: press

Views: 1474

Nella relazione di bilancio Sagat 2015 si possono trovare dati interessanti sull’andamento del traffico a Caselle nello scorso anno.

L’andamento delle principali rotte lo avevamo già visto in seguito alla pubblicazione dei dati ENAC, oggi siamo in grado di pubblicare i dati suddivisi per compagnia aerea (solo le prime 10), da cui emerge la conferma di quanto già ampiamente prevedibile.

Compagnia aereaPasseggeri 2015Variaz. Rispetto 2014Quota di mercato
RYANAIR960688+33%27.50%
ALITALIA703937-28.10%20.10%
LUFTHANSA373657-0.80%10.70%
VUELING236422+70%6.80%
MERIDIANA232263-15.90%6.60%
BLUE AIR215909-6.20%
AIR FRANCE181407+2%5.20%
BRITISH AIRWAYS105483+5%3.00%
KLM93193+74%2.70%
VOLOTEA71643+37%2.00%

Nel 2015 Ryanair è stata la prima compagnia di Caselle con oltre 960 mila passeggeri ed una quota di mercato del 27%, vuol dire che più di un passeggero su quattro in partenza da Caselle si è imbarcato su un volo Ryanair, dato in crescita del 33% rispetto al 2014! Le altre compagnie con una forte crescita rispetto al 2014 sono state KLM, Vueling (che però ha chiuso la base ad Ottobre) e Volotea. Blueair, nel suo primo anno di base torinese si è piazzata in sesta posizione con oltre 200 mila passeggeri. Mentre le compagnie straniere sono cresciute, le italiane hanno avuto un netto ridimensionamento: Alitalia e Meridiana hanno ceduto il 28% ed il 15% di passeggeri, a causa dei noti tagli ai voli verso il Sud Italia.

Ryanair a Caselle

Cosa ci aspettiamo per il 2016? Ryanair ha dichiarato che quest’anno sfonderà il muro del milione di passeggeri, consolidando quindi il suo primato sul mercato torinese. Blueair punta a triplicare il proprio traffico, grazie all’incremento delle macchine basate e delle nuove rotte in programma, ed anche Volotea dovrebbe crescere grazie alle 4 nuove rotte messe in pista. Sul fronte dei vettori nazionali purtroppo la tendenza sarà quella di un ulteriore ridimensionamento, viste le continue riduzioni messe in atto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *