L’estate spagnola di Caselle e la sfida per il 2017: un volo per le Canarie

Published on: 3 settembre 2016

Filled Under: news

Views: 3328

Il 2016 si sta rivelando un anno estremamente positivo per la Spagna e le Baleari. Abbiamo in precedenza già analizzato i numeri eccellenti avuti su Barcellona, su Madrid grazie ai nuovi voli Blue Air, e sul nuovo collegamento con Valencia inaugurato da RyanAir e confermato come annuale.

Ottimi anche i riscontri sulle isole Baleari, mete da sempre amate dai torinesi, vicine e considerate tradizionalmente sicure dai turisti, hanno avuto nel 2016 un boom da Torino. Questo grazie all’apertura di molti voli low cost con RyanAir, Blue Air e Volotea, utilizzati sia dai viaggiatori fai da te, che dai Tour Operator classici. Siamo convinti che nel 2017 i numeri possano ulteriormente migliorare, questi voli e queste compagnie hanno bisogno di farsi conoscere dall’utenza piemontese, per porsi come valida alternativa a quelle note in partenza dagli aeroporti milanesi. E’ importante che le politiche tariffarie siano sempre aggressive per i riempire al meglio i nostri voli, e vanno perseguiti accordi con i maggiori operatori turistici.

Ma Caselle deve continuare a crescere e sarebbe un gran risultato portare a Torino un volo annuale per le Canarie. La nostra città finalmente tornerebbe ad essere, dopo la cancellazione a causa delle instabilità nel Mar Rosso, collegata ad una destinazione di mare fruibile anche in inverno.

Queste 7 meravigliose isole offrono ai loro visitatori tutto quanto possono desiderare. Sono relativamente vicine, a circa 4 ore di volo in pieno Oceano Atlantico. Ma politicamente sono spagnole al 100%, quindi divertenti, molto sicure, ed anche relativamente economiche. Il clima è ventilato e le temperature, mai eccessivamente elevate, rimangono costanti durante tutto l’anno. E, cosa non meno importante, ognuna di queste isole ha caratteristiche molto diverse dalle altre.

Ma analizziamole meglio. Le isole maggiori sono 4, Tenerife, Gran Canaria, Fuerteventura e Lanzarote.

Tenerife è l’isola che accoglie il maggior numero di visitatori italiani, divertente e modaiola grazie ai locali ed alle discoteche che si concentrano soprattutto nella zona a sud. Qui, vicino alle spiagge scure, che ci ricordano continuamente la sua natura vulcanica, si sviluppano grandi complessi alberghieri. Ma basta spostarsi ad est per scoprire località meno frequentate dove fare surf e passeggiare in mezzo a paesini tipici. Svetta nel centro di Tenerife il maestoso vulcano Teide, alto oltre 3700 metri ed ancora oggi attivo che ci regala paesaggi che ricordano i deserti americani. Spostandosi a nord il panorama cambia ancora, il verde è lussureggiante, e si può passeggiare nel capoluogo di Santa Cruz e fare shopping

Gran Canaria ospita il capoluogo, la città di Las Palmas. Curatissima, merita una visita la Catedral de Santa Ana e la Casa Museo di Cristoforo Colombo. Ma Ovviamente anche qui si viene per il mare, la vita notturna e la tintarella, molto frequentate sono le dune sabbiose di Maspalomas ed il Pico de las Nieves di quasi duemila metri. Qui gli escursionisti troveranno boschi e caldere che rimandano all’aspetto primordiale di questi siti.

Fuerteventura e Lanzarote sono più piccole e meno frequentate; con grandi spiagge la prima, incontaminata e lunare la seconda, danno il meglio di se esplorandole con auto o un piccolo fuoristrada. Fuerteventura offre un interno selvaggio e ritmi rilassanti. Nella seconda si potrà esplorare il parco naturare del Timanfaya, l’archittettura locale o sorseggiare l’ottimo vino del posto.

Le 3 isole minori, non dotate di aeroporto, sono La Gomera, La Palma ed Hierro. Se volete veramente una vacanze di relax, lontani dalla folla ed in mezzo a delle isole straordinariamente verdi, questo è il posto che fa per voi.

I collegamenti tra le isole, sia via mare che via aerea sono efficienti, noleggiare un auto è sempre molto più conveniente che in Italia e la benzina costa quasi la metà. E’ importante sapere che non tutte le spiagge sono sabbiose ma di roccia lavica scura, il mare è oceanico ma azzurro e pulitissimo.

Cosa possiamo augurarci allora. E’ ovvio che da Torino sono solo le due isole più importanti quelle che porterebbero il nostro ipotetico volo ad avere successo, ed in particolare è Tenerife l’isola più amata dagli italiani. Le Canarie sono collegate regolarmente con tutti i principali aeroporti italiani con voli charter e low cost operati da Ryanair, Vueling, easyjet, Neos, Volotea, mentre Blueair collega Bucarest a Tenerife (charter), con un trend in forte crescita dopo la cancellazione quasi totale dei voli turistici Italia-Egitto/Tunisia:  ci auguriamo che qualche compagnia raccolga la sfida su Torino, e trattandosi di un volo non brevissimo, il suo successo sarà legato ad ampia pubblicità, coinvolgimento di operatori ed agenzie di viaggio e tariffe interessanti.

playa-medano-fc

Tenerife, la spiagia del Medano – webtenerife.it

One Response to L’estate spagnola di Caselle e la sfida per il 2017: un volo per le Canarie

  1. Cristian ha detto:

    Belle destinazioni ma potenziate la Sardegna del sud visto che su Torino i collegamenti sono scarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *